Main Content

Tessitura, Uptown Mels

ILLUMINAZIONE D’EFFETTO IN AMBIENTI ALTI E ARCAICI

TESSITURA, UPTOWN MELS | COMPLESSO RESIDENZIALE

Il visionario progetto «Uptown Mels» infonde nuova vita nella gloriosa ex fabbrica tessile Stoffel. Un nuovo quartiere residenziale, con una splendida vista panoramica, sta sorgendo a monte del piccolo comune vinicolo di Mels. Con la ristrutturazione dell’ex tessitura si è felicemente conclusa la prima tranche di lavori. Per l’illuminazione delle trombe delle scale, alte e dal look arcaico, l’architetto Michael Meier ha puntato su una soluzione speciale della Tulux, sviluppata e realizzata in collaborazione con l’azienda Mosersidler AG für Lichtplanung.

I lavori di costruzione sull’areale dell’ex stabilimento Stoffel, a monte di Mels, procedono a pieno regime dal 2015. Il venerabile stabilimento tessile chiuse i battenti nel 1995. Ora «Uptown Mels» riprende il filo dell’avvincente storia di questa fabbrica. Sorge così un quartiere nuovo e vivace, un armonioso insieme di modernissimi ambienti abitativi e lavorativi, arricchiti da accoglienti spazi di incontro, ampie zone verdi, nonché da una funicolare collegata con il centro del paese. La prima fase di costruzione ha visto la ristrutturazione della vecchia tessitura, i cui loft, appartamenti di proprietà e atelier si stanno animando di nuova vita.

Un’illuminazione speciale per ambienti fuori dal comune
Michael Meier, architetto responsabile dell’attuazione strutturale di «Uptown Mels» insieme al socio d’affari Marius Hug, nutre da tempo un forte interesse per il tema dell’illuminazione. «Da lontano le proporzioni delle case sembrano familiari, se però ci stai davanti, l’effetto è imponente e tutto appare dimensionato in scala. È allo stesso tempo irritante e affascinante», spiega l’esperto architetto, sottolineando le dimensioni insolite degli spazi che arrivano anche a un’altezza di 4,5 metri. Di conseguenza, anche le nuove trombe delle scale sono alte e robuste, e creano un’atmosfera vintage. Ben presto è risultato chiaro che le luci tradizionali non sarebbero state in grado di illuminare adeguatamente ambienti di tali dimensioni. «Le piccole lampade avevano un che di scialbo e non creavano atmosfera», ricorda Michael Meier. La logica conseguenza è stata sviluppare un sistema di illuminazione ad hoc con il suo team e l’azienda illuminotecnica Mosersidler.

Vista l’ottima reputazione dell’azienda di Tuggen, per Meier l’assegnazione della realizzazione del sistema di illuminazione alla Tulux è stata un’ottima notizia. «Con Urs Suter, consulente della Tulux, ci siamo avvalsi di un interlocutore a noi già noto e così non abbiamo mai dovuto preoccuparci del rispetto delle tempistiche e dei costi». A proposito dei costi: il team di progetto è rimasto positivamente sorpreso anche dalla ragionevolezza del preventivo. Come azienda familiare di lunga tradizione, la Tulux dispone delle risorse e del know-how per la realizzazione di soluzioni speciali a condizioni vantaggiose. Tutto viene prodotto in azienda, le strutture sono snelle e agili e i processi decisionali rapidi, il che rende la Tulux un partner estremamente flessibile.

Un’eleganza vagamente straniante
Sviluppare l’illuminazione speciale è stata una sfida difficile. In chiave creativa, gli architetti volevano un sistema di lampade in grado di infondere un tocco di eleganza unitamente a un senso di accogliente ospitalità, ma al tempo stesso contraddistinto da una nota straniante. Sulla falsariga dell’insolito ambiente creato dalle trombe delle scale. «Volevamo fare in modo che gli spazi di passaggio invitassero a sostare e a osservare», spiega Michael Meier. Il risultato lo rende più che soddisfatto. Il numero di fonti luminose previsto inizialmente è stato ridimensionato per svilupparne, in compenso, di più pregnanti. Le doppie barre LED a muro e quelle singole per le travi illuminano in modo indiretto gli ambienti attraverso le ruvide pareti di cemento. I «lampadari» leggermente conici, oltre a rappresentare un forte richiamo visivo, proiettano un affascinante gioco di luci e ombre su soffitti e pareti. Con il progredire dei lavori di «Uptown Mels» si evolverà anche il sistema di lampade. Attendiamo con grande interesse gli ulteriori sviluppi di questa soluzione unica nel suo genere, nonché le sue declinazioni nei diversi ambienti.

«Si trovano sempre mezzi, percorsi e una soluzione. In questo senso, per noi Tulux è stata un partner ideale.»

Michael Meier, architetto

L’architetto Michael Meier aveva le idee molto chiare per quanto concerne il design del nuovo sistema di lampade per Uptown Mels e con Tulux è stato affiancato da un partner affidabile. 

«Ogni volta che ci abbiamo lavorato insieme, Tulux è sempre stata estremamente affidabile e precisa. Sapevamo che Tulux sa il fatto suo. Questo ci ha dato una grande sicurezza.»